9 de gen. 2014

E sulle case il cielo



E sulle case il cielo
Giusi Quarenghi
illustrazioni Chiara Carrer
Topipittori, 2007

Poesie da recitare insieme ai bambini come formule magique
per superare gli ostacoli lungo il cammino delle giornate.

I de sobte, les estacions, una rere l'altra, que ballen totes les cançons...
dins el meu cap, quan et toquen les mans,
quan camines cada dia surts d'escola.

De la terra al foc:
Creure que el cel enorme,
si pogués ser un arbre,
el vent que m'agrada.
Que m'expliquin la història.
Quan era petita.


De l'herba a la neu:
Vull algú amb qui jugar, 
no m'agrada el buit de la nit.
Fuig hivern, fuig d'aquí.
Ascoltami
inverno
non sognarti di entrare
Mi piaci sui rami
sdraiato nel cielo
disteso sul mare
seduto nel prato ma
ascoltami inverno
non ti voglio qui dentro.
Estacions que surten i entren,
juguen i parlen,
miren i esperen.
Fugen. Tornen.
Ti conosco 
primavera
vieni sempre all'improvviso
se ti chiamo non mi senti
se t'aspetto non t'importa.
Vado via.
Vado stare in una casa
dove nessuno mi sgrida se sbaglio
dove mangio se mi pare
quanto mi pare quel che mi pare
dove dormo
dove 
dove...
Non dove guai se non ubbidisci
e non tieni in ordine i tuo giochi
e non ti allacci le scarpe
e non te cambi
le mutande
e non te lavi i denti
e non ti soffi il naso
e...
Uffa, che fatica,
fare il bambino della mia mamma!



Cap comentari:

Publica un comentari